Come

funziona la

certificazione

CLIMATE STANDARD è l’ente incaricato di certificare la neutralità climatica e di distribuire il marchio su prodotti, servizi, eventi e organizzazioni.

La certificazione si basa sulla verifica dei requisiti chiave divisi in 3 categorie:

calcolo, compensazione, riduzione.

Calcolo delle emissioni annuali del prodotto/servizio da certificare

Compensazione della CO2e con crediti di carbonio di alta qualità

Pianificazione e commitment di riduzione delle emissioni

in dettaglio:

Prefazione

Climate Standard riconosce due tipi di certificazione: aziende climate neutral e prodotti climate neutral. La differenza riguarda solo la domanda di certificazione:

  • Nel caso di un’azienda, l’impronta di carbonio richiesta deriva dal totale delle operazioni dirette e indirette, la compensazione è il 100% delle emissioni e la riduzione deve essere pianificata tenendo conto di tutte le operazioni.
  • Nel caso di un prodotto, l’impronta di carbonio richiesta è quella del prodotto, la compensazione riguarda il 100% delle emissioni del prodotto e la riduzione può essere pianificata solo sul prodotto certificato.

Calcolare la carbon footprint

Le organizzazioni interessate a ottenere la certificazione nel 2022 come azienda o per uno dei loro prodotti devono, come primo requisito, misurare le emissioni (impronta di carbonio) prodotte nell’anno precedente.

CLIMATE STANDARD richiede un calcolo delle emissioni associate al prodotto, servizio o entità da certificare. Il calcolo si basa sul metodo proposto dal Greenhouse Gas Protocol, lo standard di rendicontazione più utilizzato al mondo.

La precisione dei dati e del monitoraggio dipendono considerevolmente dalla dimensione dell’organizzazione come descritto di seguito. Noi comprendiamo la difficoltà di rendicontare le emissioni e siamo pronti a supportarvi sin da subito per rendere il processo il più semplice e conveniente possibile.

Perciò se fatturi meno di 10 milioni di euro, CLIMATE STANDARD accetta una valutazione delle emissioni dei tuoi prodotti attraverso report scientifici, calcolatori riconosciuti, benchmark geografici e di settore. In questo caso, accettiamo anche calcoli basati su strumenti online come “2030calculator”.

Ci basteranno i certificati d’origine che dimostrano la veridicità e l’origine di tale energia.

Come funziona il calcolo?

CLIMATE STANDARD richiede un calcolo delle emissioni associate al prodotto, servizio o entità da certificare. Il calcolo si basa sul metodo proposto dal Greenhouse Gas Protocol, lo standard di rendicontazione più utilizzato al mondo.

Quanto bisogna essere precisi?

La precisione dei dati e del monitoraggio dipendono considerevolmente dalla dimensione dell’organizzazione come descritto di seguito. Noi comprendiamo la difficoltà di rendicontare le emissioni e siamo pronti a supportarvi sin da subito per rendere il processo il più semplice e conveniente possibile.

Perciò se fatturi meno di 10 milioni di euro, CLIMATE STANDARD accetta una valutazione delle emissioni dei tuoi prodotti attraverso report scientifici, calcolatori riconosciuti, benchmark geografici e di settore.

Acquisto solo energia da fonti rinnovabili, come ve lo dimostro?

Ci basteranno i certificati d’origine che dimostrano la veridicità e l’origine di tale energia.

Compensare con crediti di qualità

Il secondo requisito è la neutralizzazione della totalità delle emissioni di gas climalteranti del prodotto/azienda (da certificare) attraverso l’acquisto di crediti di carbonio certificati.

Attenzione: i crediti devono rispettare i requisiti della certificazione per non incappare in pratiche di greenwashing.

I crediti di carbonio certificati sono tonnellate di CO2 assorbita o non emessa da progetti ad impatto positivo sul clima.

Tutte le organizzazioni sono incoraggiate ad effettuare l’acquisto dei crediti con CLIMATE STANDARD, soprattutto per quelle che ricadono nella categoria “piccole imprese” ma l’acquisto di crediti con provider terzi è comunque accettato nel caso vengano rispettati i requisiti elencati di seguito.

I requisiti per la validità della neutralizzazione sono necessari per assicuraci l’alta qualità dei crediti di carbonio. Sono molto precisi ma, al tempo stesso, un po’ incomprensibili per i non addetti ai lavori.

Se non hai ancora acquistato crediti certificati ti possiamo aiutare nel processo. In caso tu voglia acquistare i crediti dai trader specializzati, quest’ultimi non avranno problemi a sostenere i nostri criteri di validità.

I criteri vanno dall’uso di soli crediti certificati al finanziamento dei soli progetti localizzati in paesi in via di sviluppo (ad esclusione dei progetti di cattura e stoccaggio di carbonio), ad un limite minimo del prezzo d’acquisto del singolo credito, ad un limite d’età, fino alle caratteristiche del mix di crediti per la neutralizzazione.

I documenti necessari riguardano l’operazione d’acquisto, una ricevuta di pagamento e le caratteristiche dei progetti supportati.

Dove/come si acquistano?

I crediti di carbonio certificati sono tonnellate di CO2 assorbita o non emessa da progetti ad impatto positivo sul clima.

Tutte le organizzazioni sono incoraggiate ad effettuare l’acquisto dei crediti con CLIMATE STANDARD, soprattutto per quelle che ricadono nella categoria “piccole imprese” ma l’acquisto di crediti con provider terzi è comunque accettato nel caso vengano rispettati i requisiti elencati di seguito.

Quali sono i requisiti riguardanti i crediti di carbonio?

I requisiti per la validità della neutralizzazione sono necessari per assicuraci l’alta qualità dei crediti di carbonio. Sono molto precisi ma, al tempo stesso, un po’ incomprensibili per i non addetti ai lavori.

Se non hai ancora acquistato crediti certificati ti possiamo aiutare nel processo. In caso tu voglia acquistare i crediti dai trader specializzati, quest’ultimi non avranno problemi a sostenere i nostri criteri di validità.

I criteri vanno dall’uso di soli crediti certificati al finanziamento dei soli progetti localizzati in paesi in via di sviluppo (ad esclusione dei progetti di cattura e stoccaggio di carbonio), ad un limite minimo del prezzo d’acquisto del singolo credito, ad un limite d’età, fino alle caratteristiche del mix di crediti per la neutralizzazione.

Quale documentazione devo presentare?

I documenti necessari riguardano l’operazione d’acquisto, una ricevuta di pagamento e le caratteristiche dei progetti supportati.

Impegnarsi e pianificare la riduzione delle emissioni

Il 3 requisito riguarda la creazione, implementazione e monitoraggio di un piano di riduzione delle emissioni che può riguardare il singolo prodotto certificato o l’intera organizzazione e che chiameremo per semplicità PAR (Piano Aziendale di Riduzione).

Le aziende che certificano per la prima volta i loro prodotti/servizi hanno fino a 6 mesi di tempo per la sottomissione e l’implementazione del PAR.

Puoi focalizzarti sulla creazione di un PAR per il singolo prodotto, servizio certificato.

Focalizzarti sulla singola certificazione ti aiuterà a creare un metodo strutturato che potrai in seguito ampliare a tutte le altre attività della tua organizzazione.

Nonostante questo, è consigliato, quando possibile, pianificare le emissioni dell’intera organizzazione e della sua catena di fornitura ed estendere il più possibile il PAR.

Questo dipende molto dalla dimensione dell’organizzazione. In ogni caso CLIMATE STANDARD ha nei suoi interessi il supporto alle organizzazioni che vogliono ridurre le loro emissioni.

Per le aziende con fatturato inferiore ai 10 milioni di euro, il PAR da presentare può essere anche molto semplice rimanendo però sempre misurabile e realizzabile.
Più la dimensione dell’azienda cresce più il PAR si dimostra strutturato e caratterizzato da obiettivi, azioni, milestone intermedie e tempistiche.

Il Piano Aziendale di Riduzione deve possedere una durata compresa tra 1 e 3 anni, obiettivi annuali, a partire dalla data della presentazione della domanda di certificazione, e finali. Tali obiettivi devono essere SMART, cioè: specifici (Specific), misurabili (Measurable), raggiungibili (Achievable), realistici (Realistic) e definiti nel tempo (Time-bound).

Certo che si. Dalla domanda di certificazione hai 6 mesi per sottomettere un PAR che abbia i requisiti giusti. Questo perché sottoscrivere un piano realistico ed implementabile ha bisogno di tempo. Nessuna paura, non è né un’operazione costosa né impossibile.

Devo fare un piano sulla riduzione delle emissioni del prodotto certificato o dell’intera azienda?

Puoi focalizzarti sulla creazione di un PAR per il singolo prodotto, servizio certificato.

Focalizzarti sulla singola certificazione ti aiuterà a creare un metodo strutturato che potrai in seguito ampliare a tutte le altre attività della tua organizzazione.

Nonostante questo, è consigliato, quando possibile, pianificare le emissioni dell’intera organizzazione e della sua catena di fornitura ed estendere il più possibile il PAR.

Quanto bisogna andare nel dettaglio?

Questo dipende molto dalla dimensione dell’organizzazione. In ogni caso CLIMATE STANDARD ha nei suoi interessi il supporto alle organizzazioni che vogliono ridurre le loro emissioni.

Per le aziende con fatturato inferiore ai 10 milioni di euro, il PAR da presentare può essere anche molto semplice rimanendo però sempre misurabile e realizzabile.
Più la dimensione dell’azienda cresce più il PAR si dimostra strutturato e caratterizzato da obiettivi, azioni, milestone intermedie e tempistiche.

Quali sono le caratteristiche del Piano?

Il Piano Aziendale di Riduzione deve possedere una durata compresa tra 1 e 3 anni, obiettivi annuali, a partire dalla data della presentazione della domanda di certificazione, e finali. Tali obiettivi devono essere SMART, cioè: specifici (Specific), misurabili (Measurable), raggiungibili (Achievable), realistici (Realistic) e definiti nel tempo (Time-bound).

Non ho ancora un piano di riduzione, posso comunque fare domanda di certificazione?

Certo che si. Dalla domanda di certificazione hai 6 mesi per sottomettere un PAR che abbia i requisiti giusti. Questo perché sottoscrivere un piano realistico ed implementabile ha bisogno di tempo. Nessuna paura, non è né un’operazione costosa né impossibile.

Etichetta &
divulgazione

Le informazioni associate all’azienda o al singolo prodotto certificato saranno condivise in una pagina dedicata.

Qui i consumatori potranno trovare la stima dell’impronta di carbonio per l’anno precedente, i progetti utilizzati per la compensazione delle emissioni e i piani di riduzione dell’azienda.

Condivideremo l’etichetta con te.

Potete collocarla ovunque vogliate: prodotti, imballaggi, materiale informativo, siti e applicazioni.

Inoltre, riceverete il certificato cartaceo direttamente in loco.

La certificazione è valida per un anno solare in quanto rappresenta la convalida di una strategia aziendale annuale che si configura nel calcolo dell’impronta di carbonio annuale e nella compensazione del suddetto risultato.

Il marchio e le certificazioni hanno un valore annuale. Pertanto, se non vengono rinnovati, cessa anche il permesso di condivisione degli stessi e l’azienda è tenuta a eliminare ogni manifestazione della certificazione e dell’etichetta sia internamente che verso il pubblico.

Assolutamente sì!

Utilizzeremo sia i nostri media privati, come i social e il blog, sia la nostra comunità di organizzazioni nazionali e internazionali per celebrare il vostro ingresso nel mondo di Climate Standard.

Come riceverò la certificazione?

Condivideremo l’etichetta con te.

Potete collocarla ovunque vogliate: prodotti, imballaggi, materiale informativo, siti e applicazioni.

Inoltre, riceverete il certificato cartaceo direttamente in loco.

Cosa succede dopo un anno dalla certificazione?

La certificazione è valida per un anno solare in quanto rappresenta la convalida di una strategia aziendale annuale che si configura nel calcolo dell’impronta di carbonio annuale e nella compensazione del suddetto risultato.

Cosa succede se decido di non rinnovare la certificazione?

Il marchio e le certificazioni hanno un valore annuale. Pertanto, se non vengono rinnovati, cessa anche il permesso di condivisione degli stessi e l’azienda è tenuta a eliminare ogni manifestazione della certificazione e dell’etichetta sia internamente che verso il pubblico.

Ci aiutate a condividere questo risultato?

Assolutamente sì!

Utilizzeremo sia i nostri media privati, come i social e il blog, sia la nostra comunità di organizzazioni nazionali e internazionali per celebrare il vostro ingresso nel mondo di Climate Standard.

diventa 100% sostenibile!

ottieni la certificazine

per la tua azienda, prodotti e servizi: contattaci!