Le nostre domande più frequenti!

Tavola dei Contenuti

Tavola dei Contenuti

Climate Standard

Climate standard è una startup europea che ha creato la prima certificazione indipendente di Neutralità Climatica in Europa e un’etichetta che mostra quali aziende hanno raggiunto la neutralità climatica in tutti o in uno dei loro prodotti. Vogliamo utilizzare il nostro marchio per incoraggiare le aziende a prendere l’iniziativa raggiungendo oggi una reale neutralità climatica e sostenere le persone a intraprendere azioni quotidiane.

Quando vedete l’etichetta di Climate Standard da qualche parte, sapete che il prodotto o il servizio che state guardando non ha un impatto negativo sul clima e che l’azienda ha raggiunto la neutralità climatica nelle sue operazioni per fornirvelo. Significa anche che l’azienda è impegnata a ridurre le emissioni di carbonio.
Immaginate che il vostro vecchio paio di scarpe si sia rotto durante un viaggio e che vogliate sostituirlo. Vedete la nostra etichetta su un paio di scarpe che vi piacciono del brand “SHOES CORP”. Controllando il profilo di SHOES CORP sul nostro sito web, notate che SHOES CORP ha emesso 17.000 tonnellate di CO2eq nel 2021. Si vede anche che SHOES CORP compensa tutte le sue emissioni sostenendo un progetto di riforestazione in Sud America e che ha in programma di cambiare i materiali e le modalità di consegna delle sue scarpe per ridurre le emissioni in futuro.
In altre parole, l’etichetta indica che SHOES CORP ha calcolato le emissioni di carbonio di cui è responsabile nella produzione delle sue scarpe, ha compensato tutte queste emissioni e ha attuato piani per ridurle nel tempo.

Per i diritti dei lavoratori, condizioni di lavoro sicure e salari equi c’è FairTrade. Per i prodotti biologici, esiste il marchio comune europeo di qualità biologica. Per la CSR aziendale c’è BCorp. Per l’impronta di carbonio, esiste il protocollo GHG i le ISO. Per il clima non c’è niente. Solo i consulenti che fanno la parte del leone. Per questo motivo il mercato non è molto trasparente e tutti dicono di essere verdi senza avere prove che lo dimostrino. E non avete idea di quale prodotto sia davvero verde.

Avete mai pensato di scrivere che la vostra azienda è biologica senza avere alcuna certificazione? È come dire che si compensano le emissioni senza dire come e quanto se ne compensano. La differenza tra una certificazione e un’autodichiarazione è soprattutto la trasparenza. Una certificazione è fondamentalmente una bella etichetta da apporre sul prodotto, ma per il consumatore è sinonimo di sicurezza, correttezza e affidabilità.

Facciamo entrambe le cose perché raggiungere la neutralità climatica per tutte le operazioni aziendali e l’intera catena di fornitura potrebbe essere molto costoso. La maggior parte delle piccole e medie imprese non può permetterselo, ma può raggiungere la neutralità climatica passo dopo passo, iniziando a concentrarsi solo su uno o pochi prodotti invece che sull’intera azienda.
Perchè? Calcolare l’impronta di carbonio di un singolo prodotto costa meno di un’impronta di carbonio aziendale e le piccole imprese possono utilizzare numerosi strumenti online gratuiti per farlo. Minori sono le emissioni da compensare, minore è il costo finale della compensazione e il piano di riduzione può essere realizzato con maggiore precisione.

Certo che lo è. Abbiamo un processo trasparente che viene presentato sul nostro sito web. Seguiamo i migliori standard e approcci come il protocollo GHG, ISO 14064/14067 per la rendicontazione delle emissioni e i principi di compensazione di Oxford per la convalida dei crediti di carbonio. Tutti i dati climatici che riceviamo dalle aziende sono pubblicati pubblicamente. Il nostro processo di certificazione è disponibile anche sul nostro sito web e sarà costantemente aggiornato per garantire la decarbonizzazione su larga scala in tutto il mondo.

Climate Standard è innanzitutto una startup che sta condividendo con il mondo una bella etichetta. Il nostro obiettivo è quello di trasformarlo in un driver che supporti le persone negli acquisti di tutti i giorni. Inoltre, ci impegniamo ad aiutarvi a creare valore davanti ai clienti. Per questo motivo, lavoriamo fianco a fianco con i nostri primi marchi per aiutarli a promuovere il loro impegno e la loro certificazione e i nostri marchi amano condividere e collaborare con i nuovi.
Inoltre, intratteniamo costantemente conversazioni con organizzazioni, media e attivisti.

Cambiamenti climatici

Chi oggi afferma che il cambiamento climatico non è un problema e non è causato dall’uomo sta mentendo o ignorando i dati scientifici.
Il cambiamento climatico è una vera e propria crisi globale che sta già interessando l’intero pianeta, anche se con effetti molto diversi da regione a regione.
Ondate di calore, nubifragi, gelo, desertificazione, innalzamento del livello del mare, scioglimento dei ghiacci, riduzione dei depositi d’acqua, acidificazione degli oceani, distruzione delle barriere coralline e conflitti sociali sono solo alcuni dei problemi associati all’aumento dei gas serra nell’atmosfera e negli oceani.

Carbon footprint

I gas a effetto serra sono principalmente 6, spesso chiamati gas serra o emissioni di carbonio, che influenzano il clima terrestre intrappolando il calore nell’atmosfera. A emettere questi gas siamo noi esseri umani e le nostre attività. Più gas emettiamo, più il pianeta si riscalda. E questo comporta effetti disastrosi sulle nostre società e sugli ecosistemi naturali.

La carbon footprint è la quantità totale di gas a effetto serra prodotta da qualcosa o da qualcuno in un determinato periodo di tempo, comunemente parliamo di un anno. Le aziende hanno una carbon footprint, i loro prodotti e servizi hanno una carbon footprint, ma anche noi come persone abbiamo la nostra. Per iniziare a lavorare per mitigare il cambiamento climatico, dovremmo cominciare a capire quanto è grande la nostra carbon footprint. La carbon footprint di un’azienda comprende diversi tipi di emissioni, come l’estrazione di materie prime, l’utilizzo di elettricità e combustibili fossili, il cibo, i viaggi di lavoro, le consegne, i rifiuti e i comportamenti dei dipendenti.

Quando parliamo di emissioni di carbonio, dobbiamo pensare che non c’è solo la CO2. Esistono 6 gas serra principali, ma per semplicità si è deciso di unirli in un’unica unità di misura che tenga conto del loro potenziale di riscaldamento: l’anidride carbonica equivalente o CO2e. Con la CO2e possiamo confrontare le diverse carbon footprint, indipendentemente dal fatto che si tratti di CO2, metano o monossido di azoto.

Una carbon footprint non sarà mai perfetta, ci saranno sempre delle ipotesi da fare e delle incertezze nei risultati finali, ma non lasciatevi scoraggiare. È possibile migliorare il processo di calcolo anno dopo anno.
Fortunatamente esistono degli standard da seguire. I più importanti sono il protocollo GHG e gli standard ISO, suddivisi in ISO 14064 per il calcolo dell’impronta di carbonio delle aziende e ISO 14067 per il calcolo dell’impronta di carbonio dei prodotti. In ogni caso, le emissioni sono suddivise in 3 categorie principali: Ambito 1, 2 e 3.

  • Lo Scope 1 rappresenta le emissioni dirette che derivano dalla vostra azienda e dalle vostre attività, come il combustibile fossile che bruciate per i veicoli aziendali, il riscaldamento degli uffici o altre emissioni (ad esempio, la produzione di cemento).
  • Lo Scope 2 rappresenta le emissioni indirette derivanti dall’uso dell’elettricità acquistata dalla rete elettrica.
  • Lo Scope 3 rappresenta le emissioni indirette di tutte le attività a monte e a valle della vostra azienda. Si tratta delle emissioni prodotte dalla vostra catena del valore, ad esempio le materie prime o i prodotti che acquistate da altri, i viaggi di lavoro, il comportamento dei dipendenti, le spedizioni prima o durante la produzione e/o la consegna ai vostri clienti e altro ancora. In molti casi, questa categoria rappresenta la maggior parte delle emissioni di un prodotto o di un’azienda.

Ma niente panico! La stima delle emissioni di carbonio non deve essere un processo costoso.
Molte organizzazioni hanno creato strumenti per calcolare l’impronta di carbonio. Doconomy, ad esempio, ha creato un calcolatore “2030calculator” che aiuta le aziende a calcolare le emissioni dei prodotti.
Se siete una piccola o media impresa, accettiamo questo tipo di analisi in modo che non dobbiate spendere una grande quantità di denaro per il calcolo.

Lo Scope 3 sembra sempre l’ostacolo più difficile, ma non lasciate che la perfezione sia nemica del bene. Sappiamo che dovete fare molte ipotesi, ma concentratevi prima sulle operazioni più importanti della vostra catena del valore. Gli strumenti di calcolo della carbon footprint vi aiuteranno con la maggior parte delle ipotesi o, in alternativa, se siete una grande azienda, potete chiedere il supporto di consulenti esterni.

Neutralità Climatica

Per neutralità climatica si intende il raggiungimento di uno stato in cui un prodotto, un servizio o un’azienda hanno bilanciato le emissioni di gas serra con l’assorbimento di carbonio.
A tal fine, l’azienda si assume la responsabilità delle proprie emissioni compensandole per controbilanciare gli effetti negativi sul clima.
“Neutralità carbonica” significa assumersi la responsabilità solo per la CO2 e tralasciare gli altri 5 principali gas serra. Per questo motivo Climate Standard sta lavorando per sostenere le aziende nel percorso verso la neutralità climatica invece che verso la neutralità carbonica.

La compensazione è quando qualcuno utilizza un certificato specifico, chiamato “credito di carbonio”, per controbilanciare le proprie emissioni. Pertanto, per raggiungere la neutralità climatica le aziende devono acquistare esternamente i crediti di carbonio. Ogni credito di carbonio rappresenta 1 tonnellata metrica di CO2e eliminata dal pianeta.

Un credito di carbonio è un certificato generato quando qualcuno realizza un progetto che elimina una tonnellata metrica di CO2e. Lo sviluppatore del progetto può vendere questi crediti per sostenere e far crescere il progetto.
Esistono 4 tipi di progetti che possono generare crediti di carbonio:

  • emissioni evitate o ridotte senza stoccaggio del carbonio (ad es. energia rinnovabile, efficienza energetica)
  • riduzione delle emissioni con lo stoccaggio a breve termine (ad es. lotta alla deforestazione, agricoltura intelligente)
  • rimozione del carbonio con stoccaggio a breve termine (ad es. imboschimento, ripristino degli ecosistemi)
  • rimozione del carbonio con stoccaggio a lungo termine (ad esempio, cattura e stoccaggio in aria, mineralizzazione)

In parole povere, i crediti di carbonio consentono di investire denaro in soluzioni per il cambiamento climatico. Con i crediti di carbonio sosteniamo la piantumazione di alberi, combattiamo la deforestazione, ripristiniamo gli ecosistemi, contribuiamo a generare più energia verde nei Paesi in via di sviluppo e sviluppiamo tecnologie che assorbono la CO2 dall’aria.
Per affrontare il cambiamento climatico è necessario ridurre le emissioni, ma anche aumentarne l’assorbimento, al fine di raggiungere al più presto un livello globale di emissioni nette pari a zero.
Inoltre, da un punto di vista sociale, i progetti sono localizzati principalmente nei paesi in via di sviluppo per sostenere la loro transizione verde. Non possiamo lasciare indietro nessuno. Stiamo combattendo la stessa battaglia, ma saranno i paesi in via di sviluppo a risentirne di più se non agiamo subito.

Il mercato dei crediti di carbonio è stato istituito negli anni ’90 e, da allora, è regolato da un sistema di organismi di verifica di terze parti. Tuttavia, è possibile trovare facilmente crediti di carbonio non convalidati a basso costo, ma è meglio diffidare.
Climate Standard si basa sul sistema di convalida da parte di terzi, ma lo rende anche più rigoroso, richiedendo solo crediti di carbonio di alta qualità.
Ecco i nostri 5 requisiti:

  1. Solo quelli certificati da Verified Carbon Standard, Gold Standard e Plan Vivo.
  2. Solo dai paesi in via di sviluppo/meno sviluppati. * Fanno eccezione i progetti di rimozione del carbonio a lungo termine, che possono essere localizzati ovunque.
  3. Solo se il prezzo iniziale è superiore a 10 dollari, per non compromettere la qualità del credito stesso.
  4. Solo se sono giovani (l’età dipende dal tipo di progetto).
  5. I crediti derivanti da progetti di “emissioni evitate” non devono superare il 50% del totale dei crediti acquistati per compensare le emissioni.

I crediti presenti sul mercato hanno un’ampia gamma di prezzi che dipende principalmente dal loro valore, dal tipo e dalla qualità. Ad esempio, i crediti derivanti da progetti di cattura e stoccaggio del carbonio nell’aria con la tecnologia odierna possono essere decine di volte più costosi di quelli derivanti dall’imboschimento.
In generale, se un credito, una tonnellata metrica di CO2 rimossa, costa meno di 10 dollari, significa che la qualità del credito è molto bassa.
È altrettanto importante trovare il partner giusto da cui acquistare i crediti. A volte il prezzo può salire perché i crediti sono passati attraverso molte mani. Pertanto, è bene concentrarsi sul prezzo iniziale e non su quello finale.

Piano di riduzione delle emissioni

Giusto. Una volta misurata l’impronta di carbonio annuale dell’entità che si vuole certificare (prodotto o azienda), questa deve essere interamente compensata con crediti di alta qualità. Questo perché le emissioni sono già avvenute e bisogna occuparsene.
Sebbene questo possa essere sufficiente per essere definiti neutrali dal punto di vista climatico, non è sufficiente a certificarvi. Infatti, è importante creare e pubblicare un piano di riduzione delle emissioni che vi consentirà di ridurre le emissioni future.
Il piano deve riguardare l’azienda se si ottiene la certificazione completa o la riduzione delle emissioni future del prodotto se si richiede solo la certificazione del prodotto.
Il piano può riguardare: energie rinnovabili, materiali più sostenibili, efficienza energetica, gestione dei trasporti, viaggi di lavoro e altro ancora.

Perché dobbiamo ridurre molto le nostre emissioni. Pensate che le emissioni di carbonio hanno raggiunto la cifra record di 53,5 miliardi di tonnellate nel 2020. Per evitare che ciò continui, dobbiamo pensare a ridurre le emissioni. Assumersi la responsabilità delle emissioni già prodotte è obbligatorio, ma dobbiamo anche pensare alle emissioni future.
Per questo chiediamo alle aziende di creare un impegno e una strategia SMART (specifica, misurabile, realizzabile, realistica e limitata nel tempo) che agisca per almeno 1 anno.

Leggi le nostre F.A.Q.

Trova la risposta nelle nostre domande frequenti

ClimateStandard GIF MULTIVERSE
Non hai trovato una risposta alla tua domanda?

Contattaci!